L'intervista di Patrick

L'intervista di Patrick

Ciao Patrick, potresti presentarti in poche parole


È come una riunione di diabetici anonimi :-D Mi chiamo Patrick (Ciao Patrick!) ma seriamente, vivo a Montpellier e ho 62 anni. Sono in pensione, ex direttore commerciale di un'azienda industriale francese, il che significava 5 o 6/7 giorni di soggiorno in hotel/ristorante.
Le mie passioni: la corsa, la musica, la fotografia e la vita.

Quando è stato diagnosticato il diabete? Cosa ricorda del primo periodo dopo la diagnosi?


Mi è stata diagnosticata a 39 anni (sì, è tardi per una T1D) e dopo l'annuncio sono stata lasciata sola senza alcuna spiegazione sulla condizione; in breve, ho dovuto gestire la mia nuova vita da sola. La corsa è entrata a far parte della mia vita quotidiana in quel periodo, per gestire i livelli di zucchero nel sangue.

Il diabete è ancora poco conosciuto dal grande pubblico. Come spiegherebbe a qualcuno cos'è il diabete e come influisce sulla sua vita quotidiana?


Il problema del diabete è che la stessa parola si riferisce a condizioni diverse e la confusione tra diabete di tipo 1 e di tipo 2 è "fastidiosa". Diabete di tipo 1: in parole povere, il pancreas non produce più insulina, un ormone essenziale per regolare i livelli di "zucchero". Questa continua variazione dei livelli di zucchero nel sangue del nostro corpo diventa complicata da gestire e passiamo il tempo a evitare l'ipoglicemia (non sufficiente) e l'iperglicemia. Il diabete è una condizione in cui ci troviamo spesso a fallire (non sempre in regola) e dobbiamo essere psicologicamente forti per andare avanti nei momenti difficili.

L'idea preconcetta che si cerca disperatamente di sfatare?


Naturalmente, quello che viene in mente è che siamo diventati diabetici perché abbiamo mangiato troppo zucchero.

Raccontaci una storia positiva o divertente sul tuo diabete.


Quando inizio una gara difficile, come una maratona, so che mi godrò l'atmosfera e la sfida. Ma quando sono in un momento di sconforto, non posso fare a meno di pensare al pasto che potrò consumare dopo senza alcun impatto reale sul mio diabete.

Quale consiglio darebbe a chi ha appena ricevuto una diagnosi di diabete?


Il diabete non è fine a se stesso. È solo un altro modo di vivere, la dieta di un diabetico è la dieta che dovremmo avere tutti, cioè mangiare in modo equilibrato. E ora, con le nuove tecnologie, la nostra vita è come quella di tutti gli altri, sì siamo un po' elettronici, ma la gestione del nostro compagno è molto più semplice.

Kaio-Dia è stata creata perché molti accessori erano noiosi, di scarsa qualità o scomodi. Vorremmo davvero continuare a cambiare questa situazione, come abbiamo già iniziato a fare. A tal fine, vorremmo sapere di cosa avete bisogno, cosa vi piace, cosa non vi piace o cosa vi manca nella vostra vita quotidiana.


È vero che uno degli svantaggi del diabete è che ci portiamo dietro una moltitudine di cose, in numero maggiore o minore, per far fronte a tutte le possibilità della nostra vita quotidiana.
Dobbiamo anche trovare accessori che ci permettano di contenere e/o proteggere i nostri microinfusori, i nostri sensori che si trovano direttamente sul nostro corpo e qui le cose si complicano.
Il materiale non è sempre adatto o è troppo stretto o troppo largo, non si asciuga abbastanza velocemente, è troppo spesso e non sempre è divertente.

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

Che cosa sta cercando?

Il tuo carrello