Chetoacidosi diabetica: Una guida completa per le persone affette da diabete

Chetoacidosi diabetica: Una guida completa per le persone affette da diabete

Tutto quello che c'è da sapere su cause, progressione e trattamento di questa pericolosa complicanza dell'iperglicemia

Fin dal momento in cui viene diagnosticato il diabete, i medici dicono di tenere sotto controllo i sintomi e di assicurarsi di seguire la terapia. Questo perché c'è la possibilità che le cose si mettano male per la salute se la malattia progredisce in complicazioni gravi.

La chetoacidosi diabetica (DKA) è uno di questi incubi per le persone con diabete e per i medici. Spesso acuta, è uno stato di disregolazione metabolica che modifica la biochimica del sangue. Se avete il diabete, dovete conoscere tutte le informazioni necessarie per proteggere la vostra salute dal rischio. Di seguito abbiamo risposto a tutte le domande fondamentali sulla DKA per aiutarvi.


Cosa succede esattamente nella chetoacidosi diabetica?

Le cellule assorbono e utilizzano lo zucchero come fonte di energia. Il sangue trasporta questo zucchero in tutto il corpo, con l'aiuto di un ormone chiamato insulina. Nel diabete, questo asse glucosio-insulina si altera.

La chetoacidosi diabetica è caratterizzata da tre significative anomalie metaboliche nei fluidi corporei, in particolare nel sangue e nelle urine:

  • Livelli elevati di glucosio: A causa dell'insufficienza di insulina, il glucosio non arriva alle cellule e si accumula nel sangue, determinando uno stato di iperglicemia. Viene anche secreto nelle urine.
  • Livelli elevati di chetoni: Quando il glucosio non è disponibile per il consumo di energia, il corpo entra in modalità fame. Inizia a scomporre i grassi per compensare il deficit di zuccheri. Si verifica la conversione dei lipidi in sostanze chimiche chiamate chetoni, i cui livelli aumentano nel sangue e nelle urine, fenomeno noto come chetosi.
  • Alti livelli di acidità: I chetoni sono di natura acida e il loro accumulo determina un ambiente acido e a basso pH nel sangue. Non solo, aumenta il carico sui reni e altera ulteriormente il delicato equilibrio acido-base dell'organismo, provocando l'acidosi metabolica.


Perché la chetoacidosi diabetica è pericolosa per la vita?

Spesso la DKA passa inosservata per giorni o settimane. In molti casi, la chetoacidosi diabetica è il primo segno di malattia che si manifesta. In molti casi si tratta di bambini affetti da diabete di tipo 1. Un secolo fa, molti dei decessi causati dal diabete di tipo 1 avvenivano attraverso questo stesso ciclo.


Poiché l'equilibrio dell'intero organismo viene alterato dal malfunzionamento del metabolismo, tutti i sistemi mostrano effetti marcati. Alcune di queste complicazioni sono:

  • Edema cerebrale, in cui il liquido si accumula nel cervello.
  • Arresto cardiaco (il funzionamento del cuore si arresta).
  • I reni potrebbero smettere di funzionare e potrebbe insorgere un'insufficienza renale acuta.
  • Accumulo di fluidi intorno ai polmoni
  • Una serie di squilibri elettrolitici che possono causare una serie di effetti pericolosi per la vita in tutto il corpo.

Katie Lesley, che ha perso il fratello a causa della chetoacidosi diabetica prima del suo matrimonio, racconta con coraggio la lotta della sua famiglia contro le possibili complicazioni di questo terribile stato. Era una persona con diabete che aveva contratto un'infezione, i sintomi della DKA si erano insinuati silenziosamente e quando i soccorsi sono arrivati, era semplicemente troppo tardi.


Come si manifesta la chetoacidosi diabetica?

Molti di questi sintomi sono disturbi generali che non tutte le persone con diabete possono avvertire di tanto in tanto. È quindi necessario monitorare attentamente i propri problemi di salute e le analisi del sangue effettuate a casa. I segni e i sintomi più gravi includono

  • forti dolori addominali
  • Problemi di respirazione
  • Sonnolenza
  • Vomito e nausea
  • Odore fruttato dell'alito
  • Polso veloce
  • Mal di testa

Forse i sintomi più caratteristici sono la presenza di un alito chetonico e fruttato e di una respirazione caratteristicamente affannosa (respirazione di Kussmaul), che possono aiutare a distinguere la DKA da altri segni di diabete.


Chi è a rischio di chetoacidosi diabetica?

Si può essere a rischio sostanziale di chetoacidosi diabetica se si presentano i seguenti fattori di rischio:

  • Il fattore di rischio più significativo per i soggetti con diagnosi di diabete (soprattutto di tipo 1) è la mancata osservanza della terapia insulinica e una gestione scorretta della malattia.
  • Il diabete di tipo 1 non diagnosticato (spesso nei bambini) presenta chetoacidosi diabetica
  • I problemi allo stomaco (comprese le infezioni) provocano il vomito e possono precedere la DKA.
  • Molti casi di chetoacidosi diabetica si verificano dopo che una persona ha contratto un'infezione, ad esempio una polmonite.
  • Problemi cardiovascolari come malattie cardiache, ictus o coaguli in diversi organi possono rendere una persona con diabete più suscettibile a sviluppare uno stato di DKA
  • Le donne in gravidanza sono più esposte al rischio di chetoacidosi diabetica.
  • Alcuni farmaci, come gli steroidi o gli antipsicotici, e le droghe ricreative come la cocaina, possono rendere una persona più incline alla DKA.
  • Anche se sono soprattutto le persone con diabete di tipo 1 a essere a rischio di chetoacidosi, il tasso di ospedalizzazione è in aumento anche nelle persone con diabete di tipo 2.


Come sapere se qualcuno ha la chetoacidosi diabetica?

Se si sospetta di essere affetti da chetoacidosi diabetica:

  • Se il valore è di 240 mg/dL o superiore, procurarsi un kit da banco per l'analisi delle urine per verificare la presenza di chetoni nelle urine.
  • Allo stesso modo, diversi gadget possono aiutare a monitorare il numero di chetoni nel sangue.

Questi test possono essere eseguiti sia da voi che da un medico durante la diagnosi di chetoacidosi diabetica.

Oltre agli esami del sangue, se ci si reca in un centro di cura (lo consigliamo vivamente), il medico analizzerà quanto segue:

  • i gas presenti nel sangue
  • eventuali campioni che potrebbero indicare un'infezione precedente
  • I risultati dell'ECG per verificare se il cuore funziona bene.

Se pensate che qualcun altro possa essere in chetoacidosi diabetica, potete cercare i segni principali controllando se ha un alito fruttato o una respirazione affannosa e profonda.

La chetoacidosi diabetica è curabile?

Fortunatamente, nonostante la sua gravità, la chetoacidosi diabetica è curabile e oltre il 90% delle persone sopravvive e vive una vita soddisfacente dopo la guarigione. Tuttavia, ciò è possibile solo se il paziente o qualcuno vicino a lui si accorge tempestivamente del deterioramento della sua salute e se l'intervento medico avviene il prima possibile. Il trattamento e la gestione della chetoacidosi diabetica consistono solitamente in:

  • Poiché sono soprattutto i sintomi più gravi della chetoacidosi diabetica a indurre le persone a chiedere aiuto, per gestirli è generalmente necessario il ricovero in ospedale.
  • Una volta ricoverati, il personale ospedaliero monitora attentamente i pazienti e controlla ripetutamente il sangue e le urine per osservare le loro condizioni.
  • In caso di DKA, la somministrazione di insulina è la scelta migliore per guarire il prima possibile. In questo modo, il corpo può finalmente ricominciare a utilizzare il glucosio come fonte di energia, invertendo le anomalie metaboliche dello squilibrio biochimico.
  • Poiché il paziente è disidratato e ha perso minerali vitali, anche le cure di supporto aiutano ad alleviare alcuni sintomi.


Come posso prevenire la chetoacidosi diabetica se ho il diabete?

La maggior parte dei pazienti che seguono interamente i consigli del medico e apportano modifiche salutari alla loro vita non svilupperà mai la chetoacidosi diabetica. Non lo sarà nemmeno per voi se adotterete le seguenti misure preventive contro la DKA:

  • Non saltare le iniezioni di insulina: Seguite sempre la terapia insulinica. Poiché la maggior parte dei pazienti diagnosticati sviluppa la chetoacidosi diabetica dopo aver saltato regolarmente le iniezioni, è meglio avere sempre con sé delle ricariche supplementari.
  • Controllare i livelli di zucchero nel sangue 3-4 volte al giorno: Il monitoraggio dei livelli di glucosio nel sangue può aiutare a prevenire eventuali anomalie iperglicemiche non appena si manifestano.
  • Rimanere idratati: Bere acqua a sufficienza è fondamentale per le persone con diabete, perché aiuta a eliminare gli zuccheri in eccesso attraverso l'urina, riducendo così la quantità di glucosio nel sangue.
  • Non saltare i pasti: Assicurarsi di mangiare a sufficienza anche quando non se ne ha voglia, in modo che un apporto nutrizionale costante funzioni con le iniezioni di insulina per mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue.
  • Livelli di chetoni: Se notate un aumento notevole della glicemia, iniziate a monitorare i livelli di chetoni nei liquidi corporei.
  • Procuratevi un dispositivo indossabile: Tutte queste attività possono essere difficili da tenere sotto controllo e da gestire quotidianamente. Gli accessori indossabili rendono la vita molto più semplice. In effetti, abbiamo una collezione molto apprezzata di questi dispositivi per la vostra comodità. Non dimenticate di dare un'occhiata!

 

Conclusioni: Non lasciate che la DKA vi porti in terapia intensiva

Anche con una degenza in ospedale, nei Paesi sviluppati le persone sopravvivono per lo più alla chetoacidosi diabetica e tornano alla vita di tutti i giorni dopo poche settimane. Tuttavia, l'esperienza non è assolutamente da provare, mai.

Quindi, se pensate che voi o qualcuno intorno a voi che ha il diabete stia entrando in uno stato di chetoacidosi, dovete agire tempestivamente. Avvisare il medico o recarsi al pronto soccorso vi aiuterà a controllare il disturbo prima che sia troppo tardi.


Domande frequenti (FAQ)

In quanto tempo ci si può riprendere dalla chetoacidosi diabetica?

La maggior parte dei pazienti affetti da chetoacidosi diabetica può riprendersi dai sintomi entro un giorno con un'adeguata assistenza medica. Tuttavia, è necessario un po' di tempo per tornare alla routine.

Quali sono i due principali fattori scatenanti della chetoacidosi diabetica?

La malattia, che fa sì che una persona mangi poco e quindi provochi un calo dei livelli di zucchero nel sangue, e la mancata somministrazione di insulina sono di solito i principali fattori scatenanti della chetoacidosi diabetica.

Quali organi sono colpiti dalla chetoacidosi diabetica?

La chetoacidosi diabetica può colpire diversi organi, tra cui cuore, vasi sanguigni, cervello e reni. Se non trattata, può progredire rapidamente fino all'insufficienza multiorgano.

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

Che cosa sta cercando?

Il tuo carrello